Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

xterra-sardegna1Orosei. Quindici nazioni, tra cui Australia, Canada, SudAfrica, Stati Uniti, Finlandia, in rappresentanza di ben quattro continenti: America, Africa, Australia ed Europa.
A due mesi dal via, previsto per il 29 maggio nel golfo di Orosei, XTERRAITALY SARDEGNA 2011 è sempre più mondiale.
La conferma arriva alla chiusura del primo step di iscrizioni, il 31 marzo, con un successo mai registrato prima. Sono infatti quasi quattrocento gli atleti iscritti alla competizione di triathlon del 29 maggio nella quale, come di consueto, saranno assegnati il titolo italiano di Triathlon in Mtb e le 35 slot di qualificazione per la finale mondiale di ottobre a Maui nelle Hawaii.
Risultati eccezionali che proiettano uno degli eventi sportivi outdoor più importanti al mondo verso un clamoroso sold-out che promette di arrivare con diverse settimane di anticipo rispetto alla data di chiusura delle iscrizioni. Numeri che diventano ancora più importanti grazie agli appuntamenti del 2 e 4 giugno rispettivamente con l'XTERRA ITALYMTB e la prova del NordicWalking, con un totale di oltre mille e duecento sportivi attesi nella Valle del Cedrino. Ad oggi, sono tanti anche gli atleti professionisti iscritti alla gara di triathlon tra cui spiccano nomi autorevoli come lo svizzero Olivier Marceau il belga Jim Thijs e la canadese Melanie McQuaid. XTERRA ITALY gara del circuito WORLD TOUR quindi cresce anno dopo anno e conquista importanti riconoscimenti internazionali entrando a far parte della "23 Top Race" of the world di Triathlon. Questa speciale classifica è stata pubblicata nel mese di marzo da Triathlete.com la più prestigiosa e diffusa rivista di triathlon del pianeta. Il magazine americano ha stilato l'originale graduatoria sulle ventitré migliori gare mondiali della multidisciplina basandosi esclusivamente sulle valutazioni dei suoi lettori, campioni di triathlon, professionisti, e addetti ai lavori, ai quali è stato chiesto "Quali sono le manifestazioni da raccomandare e da non mancarsi nel 2011".Etra lemigliaia di gare sparse per tutto il mondo emergono quelle più belle e prestigiose del nostro pianeta, dall'Ironman in Cina, all'American Triple-T nel North Carolina, al Laguna Phuket Triathlon in Thailandia e, "con piena soddisfazione - dice il patron dell'Island Group Sandro Salerno c'è anche la nostra, XTERRAITALY SARDEGNA". Ventitré gare d'eccellenza, quanto dimeglio c'è sul nostro pianeta per quanto riguarda il triathlon.

Official Web: www.xterraitaly.it

Island Group S.a.s di Sandro Salerno & C.
Galleria Emanuela Loi, 8
08100 Nuoro - Sardinia - Italy
Tel.: +39 078430483 Fax: +39 0784208885
E-mail: info@islandgroup.it Web: www.islandgroup.it


Orosei, 26 maggio 2011. “Se diciXTERRA in Europa dici XTERRA ITALY SARDEGNA. Nello stesso modo in cui, quando si parla della F1 nel vecchio continente, tutti la identificano con i Gp di Monaco e Monza”. Sono queste le parole pronunciate dal patron dell’XTERRA World Tour Dave Nicholas nella conferenza stampa di presentazione dell’evento, organizzato dalle società Island Group e patrocinato dalla Regione Sardegna, alla presenza dall’assessore regionale del Turismo Luigi Crisponi, dei sindaci di Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai e Orosei, il cui territorio è coinvolto nella manifestazione, del direttore dell’Ente Foreste Ruggero Sau e del presidente della Camera di Commercio Romolo Pisano.

Al via, per la più autorevole tappa del triathlon internazionale, dal 29 maggio al 4 giugno prossimi, più di mille atleti di ventidue nazionalità (tra cui Australia, Sud Africa, Stati Uniti, Finlandia, paesi dove la specialità è particolarmente diffusa), in rappresentanza di America, Africa, Europa e Oceania.

“La Sardegna si conferma territorio esclusivo e d’eccellenza per realizzare eventi di questa portata - ha detto l’assessore regionale del Turismo Luigi Crisponi durante la conferenza stampa -, ossia gare internazionali di altissimo livello in contesti naturali unici: gli sportivi di tutto il mondo si misureranno in luoghi incontaminati. Un appuntamento mette in vetrina i territori dell’interno al grande pubblico e mette in mostra quanto questa parte della Sardegna può offrire soprattutto per quanto riguarda il turismo attivo e lo sport, con implicazioni di varia natura: culturali, identitarie, turistiche, e dunque economiche”.

“XTERRA fa parte dei grandi eventi della Sardegna, è un esempio di ciò che la nostra isola può offrire nell’ambito del turismo attivo – ha detto il sindaco di Orosei fresco di nomina Francesco Mula – esempio di sviluppo del territorio che quest’anno coinciderà anche con la celebrazione di Santa Maria e Mare, festa molto cara alla nostra comunità”.

Primo appuntamento il 29 maggio con il triathlon off road, poi il 2 giugno con l’XTERRA Mountain Bike, per agonisti ma anche e per escursionisti: 42 km di paesaggi da mille suggestioni la foresta di Su Padente, i panorami di Monte Petrosu e i centri storici di Irgoli, Loculi e Onifai. Terza giornata il 4 giugno, con la novità del 2011, il Nordic Walking, una camminata “potenziata” con due bastoncini, specialità di origine finlandese, adatta a tutte le età.

Presente anche la campionessa svizzera Renata Bucher “Sono felicissima di essere qua in Sardegna e sono pronta a ritornarci ogni anno perché è la gara più affascinante di tutto il circuito, e sono decisa a difendere il titolo conquistato lo scorso anno”.


01/06/2011 COMUNICATO STAMPA Dopo lo spettacolo del triathlon internazionale off road andato in scena domenica nella splendido scenario del parco naturale di Biderosa a Cala Ginepro, e che ancora un volta ha stregato migliaia di spettatori e i migliori specialisti mondiali (vittoria di Oliver Marceau e Marion Lorblanchet), l’ XTERRA ITALY ritorna giovedì con la prova di Mountain-bike, aperta agli agonisti e ai semplici appassionati. Gli agonisti parteciperanno all’XTERRA ITALY Mountain Bike Race valida come profva regionale di Off Road e si sfideranno a chi taglieràper primo il traguardo, gli appassionati, invece, prenderanno parte alla Mountain Bike Tourist, e si godranno l’emozione del percorso senza l’apprensione della sfida. Gara che ritorna per il terzo anno consecutivo variando la lunghezza del percorso che passa dalla distanza Marathon delle edizioni precedenti a quella di una prova Point to Point su 42 chilometri che avràla partenza da Irgoli alle 10 (ritrovo in piazza municipio alle 7 e 30) e arrivo l’arrivo a Loculi. Cento i bikers giàiscritti alla Race - poco meno quelli alla Tourist - per un numero complessivo di quasi duecento ciclisti. Tra i nomi spiccano quelli dei due portacolori della Techno Bike di Assemini Giorgio Carta e Giacomo Cabras entrambi M1. La vittoria saràun discorso tra loro due con Carta favorito visto che domenica, nella gara triathlon a staffetta, ha coperto i 32 chilometri della frazione ciclistica in 1h 42” 38’, facendo il miglior tempo di frazione nella gara per team. Una gara che si annuncia dura, perché anche se cambia la lunghezza, il percorso saràimpegnativo, e consente pochi attimi di tregua durante i 42Km che partono dai 25 metri di Irgoli per toccare i 781 di monte Pontesu, con un guadagno altimetrico complessivo di mille quattrocento metri. Il primo tratto permetteràai partecipanti di scaldare i muscoli godendo della suggestione offerta dai paesi della Valle del Cedrino, durante l’attraversamento dei centri storici di Irgoli e Onifai. Dopo qualche chilometro, però, le ruote grasse raggiungeranno lo sterrato di gara. La prima frazione è caratterizzata da brevi salite e discese, dal sedicesimo chilometro si inizia una ripida salita sino a raggiungere in localitàNorghìo. Poi, dopo una piccola discesa si risale percorrendo mulattiere impervie che conducono a Monte Pontesu (27° chilometro) particolarmente suggestivo per le sue cime granitiche ricche di vegetazione e sorgenti d’acqua. Negli ultimi 15 Km si affronta una lunga discesa che conduce alla valle in cui è situato il santuario campestre di San Michele che, nel dopo gara, ospiteràatleti e accompagnatori per la sosta pranzo e la cerimonia delle premiazione. Un percorso contraddistinto dalla estrema varietàdi scenari e da aspetti naturalistici di rara bellezza, tipici della Valle del Cedrino.